Ceresole Reale, il regno dello stambecco

Ceresole Reale: il paradiso

Italia

Il sole inonda con la sua luce calda le vette delle montagne che si stagliano contro il blu del cielo, mentre al loro cospetto si estendono prati verdi e laghi cristallini che impreziosiscono un paesaggio incontaminato di nuda roccia. Qui a Ceresole Reale si respira un’aria celestiale. Una pace sia fuori che dentro l’anima.

Un valore da desiderare.

Vacanze a Ceresole Reale.

“La catena sublime delle Alpi è a portata di mano”, diceva Nietzsche per descrivere questo territorio con al centro Ceresole Reale. E aveva ragione: ovunque spazia lo sguardo, le cime sono sempre davanti agli occhi; si rispecchiano nel Lago di Ceresole, immerso tra i fitti boschi, sovrastano prati e l’altopiano del Colle del Nivolet. Da questo paesino di 150 anime partono centinaia di sentieri che portano al Gran del Paradiso, il Parco nazionale più antico d’Italia e il regno dello stambecco. A dare il titolo di reale a questo paesino non è stato lo stambecco, il re delle Alpi, bensì un re a tutti gli effetti: re Vittorio Emanuele II conferì questo titolo a Ceresole nel 1862, perchè il Comune gli concesse il diritto di praticare la caccia dei camosci e degli stambecchi. Ceresole Reale è il secondo paese in Italia a vantare questo titolo. E a buon diritto. La sua natura incontaminata, il suo concetto di mobilità dolce e le infinite opportunità di svago rendono questo paesino un regno incantato ricco di possibilità. Scoprite questo paradiso della natura. Scoprite Ceresole Reale.

EVTZ Alpine Pearls GmbH
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Ceresole Reale, il regno dello stambecco

Senza pensieri:

il viaggio verso Ceresole Reale.

Il paesaggio vi scorre davanti agli occhi, mentre i vostri pensieri vagano indisturbati. Una vacanza senza auto in Italia è un’esperienza rilassante, tanto quanto viaggiare in mobilità dolce verso Ceresole Reale.

EVTZ Alpine Pearls GmbH

Viaggio in treno

In treno raggiungete la stazione di Rivarolo Canavese: da qui proseguite in bus (linea 5137 GTT) per Ceresole Reale. 

Viaggio in bus

La fermata del Flixbus si trova a Torino, da cui potete prendere il treno diretto per Rivarolo Canavese e poi con il bus n. 5137 raggiungere Ceresole Reale.

Viaggio in aereo

Vi consigliamo di prendere l’aereo solo in caso di tratte lunghe. Dall’aeroporto Caselle di Torino prendete l’autobus per Torino, poi il treno per Rivarolo Canavese e infine il bus per Ceresole Reale.

Da sapere:

vacanza senza auto a Ceresole Reale.

Ceresole Reale si trova nel cuore nell’incantevole Parco nazionale Gran Paradiso, un luogo di grande valore ecologico, un valore che va preservato anche attraverso un concetto di mobilità green.

  • Su richiesta, servizio di transfer dalla fermata dell’autobus più vicina da parte della struttura ospitante.
  • In estate grazie alla navetta Nivolet potete raggiungere il Colle del Nivolet, uno dei paesaggi naturali più belli d’Europa.
  • Sullo shuttle Nivolet è possibile trasportare bici e mountain bike.
  • Al Lago di Ceresole potete noleggiare canoe, pedalò e barche a vela.
  • Lungo il lago c’è un sentiero circolare di 8 chilometri, il paradiso per chi ama passeggiare.
  • Grazie ai bus di linea si possono raggiungere le altre località turistiche nei dintorni di Ceresole Reale.
  • In paese potete noleggiare bici, mountain bike ed e-bike con tutti gli accessori per bimbi e adulti.
  • A Ceresole, al Serrù e sul Nivolet si trovano punti di partenza per bellissime escursioni con tabelle informative e display.
  • Noleggio di attrezzatura sportiva per tutta la famiglia, comprese le attrezzature per lo sci di fondo e le ciaspole.
  • Se avete domande o informazioni sugli orari, potete contattare il consulente per la mobilità al numero +39 0124 953186 o consultare il sito info@turismoceresolereale.it.
EVTZ Alpine Pearls GmbH

Consigliati: alloggi a Ceresole Reale.

Tradizionali, accoglienti, unici: così si possono descrivere al meglio gli alloggi a Ceresole Reale. Imboccate nuovi sentieri durante la vostra vacanza a Ceresole Reale e vivete a pieno il turismo sostenibile sulle Alpi.

Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Hotel
Hotel Blanchetti***

Dal 1832 questo hotel con ristorante, bar e gelateria è rinomato per la sua ospitalità familiare.

All'host
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Camping
Camping Casa Bianca***

In questo camping nel cuore del Parco nazionale del Gran Paradiso sarete a tu per tu con la natura.

All'host
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Rifugi
Rifugio Guido Muzio

Un rustico rifugio escursionistico del Club Alpino Italiano nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso.

All'host
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Camping
Camping Piccolo Paradiso

In questo piccolo paradiso con piazzole per tende e piccoli bungalow vi aspetta una natura incontaminata.

All'host
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Hotel
Chalet del Lago**

Un chalet d’altri tempi con otto camere e una cucina sensazionale.

All'host
Ceresole Reale, il regno dello stambecco
Ceresole Reale, il regno dello stambecco

Un valore da scoprire: il mondo alpino intorno a Ceresole Reale

Letteralmente al settimo cielo: è così che vi sentirete durante la vostra vacanza a Ceresole Reale. Questo piccolo e nobile paesino ha tantissimo da offrire. Immergetevi nel regno dello stambecco e scoprite le innumerevoli bellezze naturali del Gran Paradiso.

Estate
Inverno
Escursioni
Escursioni
Arrampicata
Escursioni

Il re Vittorio Emanuele II, oltre a conferire a Ceresole il suo titolo di Reale, ha anche fatto tracciare 300 chilometri di sentieri di caccia che vi condurranno nella natura selvaggia del Parco nazionale del Gran Paradiso. Grazie allo shuttle Nivolet potete raggiungere il Colle del Nivolet, uno dei paesaggi naturali più belli d’Europa, sul cui maestoso altopiano vi sembrerà di toccare il cielo con un dito. Di sentieri da percorrere ce ne sono tanti e vi condurranno a laghi alpini incontaminati come il Lago Rosset o ai Laghi Trebecchi, a solitari pascoli alpini e a cime imponenti come il Colle Leynir, dal quale si ammira una vista sconfinata. A bassa quota troverete il Vallone, con la parete ghiacciata della Punta Leynir, il cielo immenso sopra di voi e un’infinita sensazione di libertà nel cuore. Meno impegnativi sono i percorsi lungo il Lago Serrù e il Lago di Ceresole, un altro punto di partenza per intraprendere splendide escursioni verso il Lago di Dres e la sua misteriosa torbiera.

Arrampicata

A sentirsi a casa a Ceresole Reale, tra le rocce di granito, non sono solo gli stambecchi e i camosci: le impressionanti pareti del Sergent e del Caporal sono il sogno di ogni arrampicatore appassionato. Ceresole Reale, con le sue pareti di roccia nuda e le sue montagne altissime, è la meta prediletta sia in estate sia in inverno da chi ama l’arrampicata e non vede l’ora di provare percorsi sempre diversi. Dai professionisti dell’arrampicata Ceresole Reale è considerata il paradiso in terra: ogni due anni gli arrampicatori più bravi si riuniscono al Meeting internazionale di arrampicata; i principianti, invece, possono esercitarsi sulle pareti della palestra di Rock Diga o in quella di Pian della Balma. In inverno, gli amanti dell’arrampicata possono dilettarsi nell’Ice Park con le sue 30 cascate ghiacciate. Naturalmente, ci sono tanti altri percorsi di vari livelli di difficoltà che si snodano tra neve e ghiaccio che entusiasmeranno tutti gli appassionati di arrampicata.

Avventure invernali

Sulle piste di Ceresole Reale non troverete calca o trambusto, ma soltanto un’atmosfera di profonda quiete, l’atmosfera che caratterizzava gli inverni di una volta. Intorno al lago si snodano splendidi sentieri e una pista da sci di fondo lunga 17 chilometri, da percorrere in tutta tranquillità e con lo sfondo del lago e delle montagne davanti a voi. Sul posto potete noleggiare l’attrezzatura necessaria per lo sci di fondo e usufruire anche dei corsi speciali offerti per chi vuole migliorare la propria tecnica, per i principianti e i più esperti e per i più piccoli. Con le ciaspole ai piedi potrete addentrarvi nel fitto del silenzioso paesaggio invernale, godervi scorci spettacolari e fare incontri inaspettati con qualche animale selvatico. A passo felpato scalerete la vetta anche durante un tour di sci alpinismo. Niente potrà disturbare questo idillio. Ogni attimo vi sembrerà pura magia.

Ceresole Reale, il regno dello stambecco

La biodiversità di Ceresole Reale.

Un valore da notare.

“Homo et Ibex” è il nome dell’esposizione permanente dedicata al rapporto tra l’uomo e lo stambecco visitabile a Ceresole Reale. Proprio qui, nel cuore del Parco nazionale del Gran Paradiso, il re delle Alpi ha trovato il suo rifugio, scampando alla minaccia di estinzione. È grazie all’istinto di caccia del re Vittorio Emanuele II se lo stambecco si aggira ancora sulle nostre montagne. Più di 200 anni fa il re fece mettere sotto protezione gli ultimi 100 stambecchi che vivevano nell’area del Gran Paradiso e, nel 1922, la riserva reale di caccia fu dichiarata parco nazionale italiano. Linci, lupi, volpi, cervi, stambecchi, camosci e marmotte hanno trovato qui la loro casa, così come il possente gipeto e l’aquila, che sorvolano maestosi sulle vette imponenti.

EVTZ Alpine Pearls GmbH
Ceresole Reale, il regno dello stambecco

le specialità culinarie di Ceresole Reale.

Un valore da assaporare:

La natura e gli abitanti formano un binomio inscindibile a Ceresole Reale e l’amore infinito che i suoi abitanti nutrono nei confronti della natura si riversa anche a tavola. I piatti, semplici da preparare, sono un tripudio di sapori: se decidete di visitare Ceresole Reale dovrete assolutamente assaggiare la saporita Polenta concia, arricchita con Toma (formaggio) e burro. La polenta è un piatto particolarmente amato, spesso servito anche come contorno, ad esempio come accompagnamento alla carne di selvaggina. La natura è sicuramente la protagonista della cucina di Ceresole: tra gli ingredienti principali dei piatti serviti nei ristoranti e nei rifugi, qui chiamati “ciavana”, ritroviamo funghi, frutti di bosco, verdure ed erbe selvatiche. Tipico del posto è il formaggio Toma: fare la toma infatti è un’antica tradizione, che prevede la preparazione di questo formaggio impiengando il latte fresco delle mucche che pascolano sugli alpeggi. Il sapore è unico e sa di estate in montagna e di erbe alpine. Con un pezzo di Toma vi porterete un pezzo di Ceresole Reale a casa. Che sia nella sua cucina o nella sua cultura, la tradizione è sempre al primo posto. L’associazione “Reis d’Biru” si occupa di promuovere tutte le attività volte a valorizzare e a tutelare il territorio e le sue tradizioni.

EVTZ Alpine Pearls GmbH